Select your location
Internacional - Inglés

Cosentino a Little Spain: un angolo di Spagna nel cuore della Grande Mela

Case studies

“Little Spain” è molto più di un semplice pezzo di Spagna nel cuore di New York. È uno spazio innovativo, a suo modo anche rivoluzionario e, senza dubbio, un’autentica celebrazione del paese Iberico. Cosentino ha sposato questa iniziativa da subito, fornendo le proprie superfici e mostrandone le applicazioni e decorazioni più innovative per questa esclusiva location “made in Spain”.

José Andrés, famoso chef spagnolo, è riuscito a portare la vera cucina spagnola a New York, creando uno spazio che rispecchia appieno il suo Paese d’origine con tutte le sue tradizioni e sfumature. Si tratta di un nuovo concept di spazio sofisticato ma, al tempo stesso, molto confortevole e ideale per degustare la lunga serie di prodotti di alta qualità preparati al momento. È il risultato di “tre anni di entusiasmo, difficoltà ed estro creativo” sotto la guida dell’architetto Juli Capella dello studio Capella García Arquitectura.

È stata davvero “una sfida creare un simbolo non solo della cucina spagnola, ma anche della sua vivace cultura”. Secondo il creatore di questo progetto, “quando disegni uno spazio, vendi molto più che cibo: un’esperienza culturale, un’atmosfera e un’attenzione particolare alla cultura e all’arte che permeano tutto l’ambiente. In quest’epoca di globalizzazione, è essenziale ricercare una stretta aderenza all’autenticità”, spiega Capella.

Secondo l’architetto, questo progetto vanta almeno tre fonti di ispirazione: i mercati, le tipiche cittadine spagnole e il cibo. “‘Little Spain’ è molto più di un centro gastronomico, un mercato o un ristorante. Esteticamente, potremmo definirlo come una serie di stand gastronomici rappresentativi di una cultura o come una piccola città con le sue stradine e una piazza principale in cui le persone si incontrano per parlare, festeggiare, mangiare e bere”. Inoltre, per la palette di tonalità e texture del progetto ci siamo ispirati ai colori autentici dei frutti, del pesce, della paella o della sangria.

Artisti del calibro di Javier Mariscal, Oscar Mariné, Sergio Mora e Mikel Urmeneta hanno contribuito alla realizzazione di questo spazio, mentre il team Lo Siento ha contribuito al design grafico del progetto, portando un’autentica selezione di creatività spagnola a New York.

Juli Capella ha scelto i materiali Cosentino “per le loro prestazioni e perché si tratta di un prodotto spagnolo”. Secondo il famoso architetto, “i prodotti Cosentino sono ideali per i seguenti usi: Silestone per i banconi degli stand, nonché per il rivestimento delle pareti. Dekton, per la sua resistenza all’erosione e al calore”, aggiunge. La disponibilità di pannelli verticali di grande formato si è rivelata altrettanto utile. “Avevamo a disposizione una vasta gamma di colori e texture senza rinunciare alla resistenza e all’affidabilità che, in un luogo così trafficato ed esposto all’usura, sono fondamentali”, afferma.

Santiago Alfonso, Vice Presidente della divisione Marketing e comunicazione del Gruppo Cosentino, è entusiasta di “collaborare ancora una volta con José Andrés a questo interessante complesso. Il concept combina la tradizione a un’interpretazione moderna della nostra cucina. Un eccellente punto di incontro tra gli chef più talentuosi, i fornitori, i designer e gli artisti del Paese. I nostri prodotti dovevano esserci e, senza dubbio, migliorano l’esperienza grazie al design e alla qualità che apportano”.

A tale scopo, Cosentino ha fornito quasi 210 lastre (quasi 700 m2 di materiale) di Dekton® e Silestone®, ma possiamo trovare esempi dell’eccellenza e dell’innovazione Cosentino anche nei materiali decorativi. Per quanto riguarda la superficie ultra-compatta Dekton®, sono state utilizzate diverse tonalità, tra cui Entzo, Makai, Kelya, Aura 15, Fiord, Tundra e Kairos, che predominano su una grande superficie in vista. Silestone®, marchio leader mondiale nel settore delle superfici in quarzo, mostra invece la sua ampia gamma di colori e finiture con l’applicazione di rivestimenti, inclusi White Platinum, Calacatta Gold, Blanco City, Ariel, Tigris Sand o, ad esempio, un bancone spettacolare in Pearl Jasmine dello spessore di 3 cm.

Ma come sono state utilizzate le diverse tonalità per ottenere il massimo da questo spazio? Juli Capella spiega che “per progettare i 18 stand di cibo e bevande del Mercado Little Spain, abbiamo combinato una palette di materiali, texture e colori in armonia con ciascun tipo di prodotto. Per lo stand del prosciutto, sono state scelte tonalità rossastre e texture rustiche; per lo stand del pesce, toni bluastri e superfici lisce e lucide; infine, per quello dei dolci, texture e materiali policromi”, spiega. Inoltre, nel progetto è previsto uno spazio esclusivo: “Una sala segreta chiamata A3 (Andrés, Adrià, Albert), con un tavolo per sole 10 persone, interamente realizzata in Dekton Kairos: dalle pareti, al pavimento, fino alla tavola/cucina. Realizzare una capsula mono-materiale è stato un vero e proprio esercizio creativo. Il modello Eros presenta una vivace tonalità rossastra, ideale per il bancone delle tapas”, aggiunge.

Grazie a tutto questo, “Little Spain” è riuscito a portare molto più che un pezzo di Spagna nel cuore di New York. Si tratta di un vero e proprio “organismo vivente” che adesso newyorchesi e visitatori possono fare proprio.

 

Dettagli del progetto:

Nome: Mercado Little Spain

Sede: 10 Hudson Yards, West 30th Street, NY

Superficie totale: 3.200 m2

Data di apertura: 15 marzo

 

Studio di architettura: Capella García Arquitectura

Progetto promosso da: José Andrés, in collaborazione con i fratelli Adrià

 

Materiali Cosentino utilizzati:

Applicazioni: rivestimenti, materiali decorativi, bancone, top

Materiale: Dekton® e Silestone®.

Colori:

  • Dekton®: Entzo, Makai, Kelya, Aura 15, Fiord, Tundra e Kairos.

 

  • Silestone®: White Platinum, Calacatta Gold, Blanco City, Ariel, Tigris Sand e Pearl Jasmine.

 

Quantità: circa 700 m2

 

In evidenza nel progetto:

Lo spettacolare bancone in Silestone Pearl Jasmine di 3cm di spessore

 

 

 


Previous article
Sostenibilità ed Economia Circolare: l’impegno di Cosentino per la tutela dell’ambiente