Select your location
Internacional - Inglés

Il casolare moderno di Coco Rocha con Dekton® by Cosentino

Case studies

Dettagli progetto:

  • Progetto: Ristrutturazione presso il casolare di Coco Rocha
  • Tendenza: Casolare moderno
  • Stile: Rurale con dettagli moderni e note di colore

 

Materiali Cosentino:

  • 8 lastre di top per la cucina Dekton Opera

 

Coco Rocha

Top model internazionale, originaria del Canada, Coco Rocha viene scoperta nel 2002 nella sua città natale, Toronto. La svolta arriva nel 2006, anno in cui apre la sfilata Christian Lacroix a Parigi. L’anno successivo compare già sulla copertina di VOGUE Italia.

Nel corso della sua carriera, Coco ha onorato le copertine delle migliori riviste di moda internazionali come VOGUE, Harper’s Bazaar e ELLE, e ha lavorato con le maison più prestigiose al mondo come Chanel, Dior, Louis Vuitton, Lanvin, Balenciaga, Calvin Klein e Versace. Nel 2010 sposa l’artista James Conran e a marzo 2015 la coppia dà alla luce la piccola Ioni James. Si stabiliscono a Westchester, poco fuori da New York City. Oltre alla pluriennale carriera internazionale come top model, Rocha ha dato vita, insieme a suo marito, a Model Camp: un programma per ragazze provenienti da tutto il mondo finalizzato a insegnare loro l’arte del portamento e i segreti per orientarsi nel settore della moda.

Panoramica del progetto

L’edificio è come una seconda casa per la famiglia di Coco, ma è soprattutto il luogo in cui Coco e James ospitano il loro Model Camp. Durante il workshop, la coppia ospita fino a dieci ragazze provenienti da tutto il mondo, che imparano l’arte del portamento e ottengono suggerimenti su come orientarsi nel settore della moda. Per realizzare uno spazio aperto che permettesse di coinvolgere le loro ospiti durante la preparazione dei pasti, la parete che divideva la cucina dalla sala da pranzo è stata rimossa. Sono stati installati top da cucina con bordo a cascata, realizzati in Dekton Opera, che consentono alle ospiti di accomodarsi attorno al bordo della cucina e interagire con Coco e James mentre preparano da mangiare.

Lo spazio prende ispirazione da uno stile rurale e al contempo elegante, con l’obiettivo principale di mantenere il carattere e il fascino rustico della casa di campagna familiare accostandolo a un tocco moderno con note di colore e spazi comodi ed eleganti. Mobili rustici e top da cucina Dekton sono uniti sapientemente per raggiungere questo equilibrio di stili moderni e tradizionali.

Intervista

Questa è la vostra seconda esperienza con Cosentino, raccontateci del progetto.

Coco: Volevamo una seconda casa per noi e per i bambini, ma anche per la nostra attività. Abbiamo creato questo programma chiamato Model Camp in cui ospitiamo ragazze da tutto il mondo che desiderano imparare da me e James – il mio manager- i trucchi e l’arte del portamento, nonché ricevere suggerimenti su come orientarsi fra agenzie e contratti, insomma cose di questo genere. Avevamo quindi bisogno di una base in cui ospitare le ragazze. Questa casa è fantastica perché è intima e comoda e riesce a far sentire le ragazze a proprio agio.

Abbiamo impiegato mesi a trovare una casa così. È stata la prima che abbiamo visto e, dopo mesi di ricerche, siamo tornati sui nostri passi e abbiamo capito che era il luogo perfetto. Per un anno, James è venuto qui ogni giorno per sistemare la casa. L’ex proprietario, un uomo molto anziano, non era riuscito a mantenerla adeguatamente nel corso degli anni. Volevamo rispettare il carattere e l’estetica della casa ma aggiungere tocchi moderni: note di colore, una cucina all’avanguardia e spazi aperti e comodi.

 

In che cosa questa casa è diversa da quella di Westchester?

Coco: È molto diversa dalla nostra casa di Westchester. La nostra casa lì è molto moderna, minimale; qui invece sembra di essere in una fattoria immersa nel verde, dal fascino campagnolo. Alcuni elementi di arredamento tradizionali rivelano un tocco di modernità. Ciascuna camera ha il suo elemento storico ma la cucina, il fulcro della casa, doveva trasmettere bellezza e pulizia.

Raccontateci del processo di rinnovamento.

Coco: Non abbiamo tenuto nessuno degli elementi originali della cucina perché non ci piacevano o non ci sembravano utili. C’era anche una parete in corrispondenza della penisola. Quando la casa fu costruita, la cucina era stata pensata come ambiente in cui entrare, svolgere il proprio lavoro e da cui fare uscire il cibo pronto per la sala da pranzo, ma noi non viviamo più così. Quindi abbiamo eliminato la parete per creare uno spazio di aggregazione e condivisione.

Durante il Model Camp, quando mi metto a cucinare, le ragazze si siedono attorno alla cucina: 12 ragazze sedute intorno a me che mi guardano mentre preparo il chili e la colazione. È uno straordinario open space, ideale per l’aggregazione e la conversazione: le ragazze si sentono felici mentre preparo da mangiare. È perfetto.

 

In che modo i tuoi progetti di utilizzare questo spazio hanno influenzato la tua idea di design e la scelta dei materiali?

Coco: Ho privilegiato la durevolezza dei materiali, ma anche l’estetica. Non sempre conosciamo le persone che entrano in casa nostra, quindi non sappiamo se saranno maldestre o attente, ma in questo modo possiamo sempre contare su una superficie forte e resistente a prova di qualsiasi ragazza. In più, nessuno vuole vivere in un luogo sporco, quindi igiene e minimalismo sono stati dei must.

Com’è stato il processo di scelta del design?

James: Sapevamo che avremmo tenuto i pavimenti in legno massiccio già presenti in tutta la casa. Sono scuri, quindi siamo stati quasi obbligati a scegliere un colore chiaro per i top. Non volevamo tutto bianco, e per questo, abbiamo scelto di abbinare le venature Dekton alla piastrella, per eliminare un po’ di grigiore. L’ottone, poi, è un tema ricorrente in tutta la casa: tutte le manopole e le plafoniere sono in ottone.

 

Perché avete scelto questo colore?

James: Amiamo la finitura della nostra superficie Dekton. Amiamo anche la cascata, che si adatta veramente bene allo spazio. Molto più che il colore, diamo importanza all’effetto che ci trasmette. Sembra quasi satinato, soffice e tutt’altro che freddo. Dekton, poi, si pulisce molto bene.

Coco: La scelta è ricaduta senza dubbio sulle venature. L’effetto venatura non sembra finto, anche se lo è. Volevamo che sembrasse più organico e autentico possibile e, in effetti, così è stato.

 

Da un paio d’anni, avete Silestone nella vostra prima cucina. In che modo quell’esperienza ha influenzato la scelta per questa cucina?

Coco: Sapevamo che era un materiale durevole. Quando siamo andati in showroom, abbiamo chiesto un materiale di lunga durata simile a quello che avevamo già ma anche diverso e innovativo. La cultura del nuovo e del moderno ha influenzato la nostra decisione.

James: Coco è amica di Cindy Crawford, testimonial in una campagna per Silestone. Abbiamo visto la campagna subito dopo aver terminato la nostra casa di Westchester e, anche se adoravamo il materiale usato, Dekton ci è sembrato davvero speciale. Quindi eravamo entusiasti di avere un nuovo progetto in cui poterlo usare.

Quali consigli di design dareste a un proprietario che deve rinnovare la cucina?

Coco: Spazio! Crea più top e spazio di lavoro possibile perché è veramente incredibile come sia facile riempirlo! Quando abbiamo avviato il progetto, la cucina era praticamente inutilizzabile, quindi abbiamo dovuto immaginare come avremmo creato e usato lo spazio a nostra disposizione. Ruba spazio ad altre stanze

James: Nessun pensile. Molte persone sono cresciute con i pensili e so che sono qualcosa di standard nelle cucine ma fanno molta ombra, rendendo la cucina cupa e angusta. Se riesci a contenere le tue pentole e le tue padelle nei cassetti, l’ambiente sarà molto più aperto, luminoso e pulito. Assicurati di avere una luminosità sufficiente. Nessuno vuole una cucina malinconica. Deve risplendere, illuminare. Quindi, anche una disposizione strategica dei punti luce fa una grande differenza. Deve essere piacevole stare qui. Un’atmosfera dark e malinconica può essere adatta al soggiorno, ma la cucina deve essere ben illuminata.

 

Quali sono i vostri ricordi più belli da quando avete completato la ristrutturazione della cucina?

Coco: Francamente, penso che siano le conversazioni attorno alla cucina con le ragazze. Ho provato tante volte a spostarle nel soggiorno, ma sembra che ci venga più naturale ritrovarci in cucina dopo cena.

James: Ad oggi, abbiamo realizzato 8 edizioni del Model Camp, per un totale quindi di 80 ragazze ospitate. È  molto personale, Coco è come una guida per le ragazze: parlano di problemi che hanno avuto nel mondo del lavoro o come giovani donne che crescono nel mondo. Si tratta di conversazioni molto personali ma si respira un’atmosfera di sostegno reciproco ed è una cosa molto tenera.

Coco: Le ragazze provengono da ogni parte del mondo, Australia, Porto Rico, Canada per venire a intrattenersi nella nostra cucina.

Avete delle osservazioni da condividere su questo progetto di ristrutturazione?

Coco: Dopo una ristrutturazione dico sempre che non vogliamo più saperne per un bel po’, ma poi succede che ci manca e compriamo un’altra casa.

James: A ogni ristrutturazione, migliori la tua percezione perché dai tuoi errori apprendi cosa puoi migliorare o fare diversamente. Sento che ogni volta che lo facciamo, abbiamo migliorato qualcosa quindi perché non usare le nostre competenze in un nuovo progetto? Non vediamo l’ora di immergerci in un nuovo progetto di ristrutturazione, anche se non credo succederà molto presto!


Previous article
Cinque strumenti da cucina di uso quotidiano che non sapevi fossero stati inventati da donne