Select your location
Internacional - Inglés

Anne Valery presenta la sua nuova cucina in Silestone (Borgogna, Francia)

Anne Valery è una giornalista francese, collaboratrice delle riviste di design Art & Décoration, Maisons à Vivre e Maisons à Vivre Campagne. È specializzata nel design d’interni ed è l’autrice di numerosi libri in materia di decorazione e di utilizzo del colore, inclusi Savoir tout faire: Maisons bio e Couleurs & matières. Anne tiene frequenti conferenze per Art & Décoration, spesso volando fino in Giappone. Dotata di particolare curiosità ed entusiasmo, è sempre alla ricerca di nuovi brand e materiali con in quali lavorare, proprio come è successo nel caso della ristrutturazione e riconversione del suo fienile nell’incantevole Borgogna. Abile chef, Anne ha deciso di posizionare la cucina al centro del suo living, un rifugio autentico per tutta la famiglia, nel quale poter condividere pasti genuini durante i fine settimana o in occasione delle vacanze in campagna.

L’obiettivo di questa ristrutturazione era quello di riportare il fienile agli antichi splendori, annettendolo alla casa di campagna del diciannovesimo secolo di proprietà di Anne Valery. Il vecchio edificio agricolo necessitava di essere isolato prima che il lavoro relativo alla cucina e alla decorazione potesse iniziare. Come da design originale della costruzione, il fienile era dotato di piccole finestre e poche aperture, rendendo lo spazio freddo e poco illuminato. La volontà di Anne Valery è stata quella di rendere abitabile l’ambiente grazie ad una grande cucina ad isola posizionata al centro dalla stanza ed illuminata con abbondante luce naturale. L’intero volume è stato isolato e riscaldato così da resistere agli inverni più rigidi, caratteristici della regione.

All’interno di questo spazio, allo livello del giardino, sono stati mantenuti i muri esistenti e i materiali sono stati accuratamente scelti per rispettare la memoria del luogo e il suo look naturale. Un pavimento in cemento esalta il carattere rustico e autentico del luogo. La scelta di una finitura in legno per le unità della cucina e le piastrelle verdi utilizzate come schienale della stessa rappresentano un omaggio al giardino esterno e alla sua vegetazione lussureggiante.

La superficie in quarzo Silestone® Charcoal Soapstone, scelta in finitura Suede (opaca) è stata utilizzata per il rivestimento dell’intera cucina ad isola. Su consiglio del fabbro, Sébastien Carrara, i supporti laterali dell?isola sono stati realizzati nello stesso materiale, a cascata, così da garantire un’incredibile continuità materica e cromatica. Il piano dedicato alla colazione, anch?esso in Silestone® Charcoal Soapstone, crea un bel contrasto grazie al suo spessore aumentato, realizzato utilizzando una veletta da 5cm, così da staccare visivamente quest’area dall’intero piano cucina realizzato con la superficie in 2 cm.

Il fienile di Anne è uno spazio familiare pensato e progettato per il relax, in ogni suo ambiente, grazie ad un ampio openspace luminoso e alla semplicità dei materiali e dei colori scelti.

Dettagli progettuali:

  • Progetto: riconversione di un fienile nella Borgogna
  • Look: Osmosi con la Natura
  • Stile: Semplicità nella scelta materica e nello stile
  • Influenza: Palette cromatica ispirata ai colori della Natura

Materiali Cosentino:

2 lastre di Silestone® Charcoal Soapstone (spessore 2 cm) in finitura Suede utilizzate per rivestire l’intera isola della cucina.

Foto in alta risoluzione – photo credits Philippe Danjou

?

Seguici su:

www.facebook.com/CosentinoIT

www.twitter.com/Cosentino_IT

Cosentino Newsblog: www.italia.cosentinonews.com

Youtube: https://www.youtube.com/user/CosentinoTV

?

Informazioni per la stampa:

Omnicom Public Relations Group Italy

Tel. 02 62411911

Sara Gatti: tel 02 624119.23 –– sara.gatti@omnicomprgroup.com

Annagrazia Liuzzi: tel 02 624119.09 ? annagrazia.liuzzi@omnicomprgroup.com

Silvia Badanai: tel 02 624119.48 – silvia.badanai@omnicomprgroup.com

?


Previous article
Facciata in Dekton® di un hotel di Yilan, Taiwan Dekton® by Cosentino Case Study